100x100 al servizio della tua azienda!
Usura bancaria, anatocismo e analisi completa dei conti correnti
Recupero interessi non dovuti
e verifica contratti di mutuo leasing swap e derivati

Opposizione a decreto ingiuntivo

Come fare opposizione a decreto ingiuntivo

Fare opposizione a decreto ingiuntivo è possibile, ma va detto che la gestione e la presentazione della  pratica di opposizione può essere complicata se non viene gestita da professionisti preparati.

Una accurata gestione della procedura di ricorso, come fanno sempre i consulenti professionisti  della gestione debiti di 100x100invest, può evitare il rischio di non riuscire a fare accettare dal tribunale l’opposizione presentata.

Per comprendere la complessità delle problematiche inerenti all’istanza di opposizione al decreto ingiuntivo è però opportuno spiegare la natura di questo atto amministrativo.

Il decreto ingiuntivo è un ordinanza impartita dal Giudice e rivolta ad un soggetto debitore. Con questo ordine si impone al debitore di adempiere a una obbligazione presa nei confronti del Fisco o di altre amministrazioni pubbliche come ad esempio INPS o INAIL,  di Creditori e di Banche o Finanziarie entro e non oltre un determinato periodo di tempo, che è in genere fissato in 40 giorni.

Trascorso questo periodo temporale il provvedimento giudiziario diventa esecutivo e il debitore rischia di vedersi pignorare i propri beni qualora non abbia adempiuto all’ordinanza emessa dal tribunale.

I decreti ingiuntivi vengono emessi dall’autorità giudiziaria su espressa richiesta del creditore, e vengono normalmente utilizzati come alternativa ai procedimenti giudiziari di tipo ordinario, in quanto costituiscono uno strumento più veloce e meno costoso per ottenere il recupero dei crediti vantati verso il debitore.

Il decreto ingiuntivo prevede un tempo massimo entro il quale è possibile fare opposizione

E’ rilevante evidenziare come la legge preveda anche un tempo massimo entro il quale è possibile una azione di opposizione a decreto ingiuntivo. Questo periodo corrisponde al durata del tempo di ingiunzione che, come già ricordato, abitualmente è pari a 40 giorni.

Sintetizzando,  una volta ricevuto un decreto ingiuntivo ci sono circa 40 giorni di tempo per fare opposizione prima che l’autorità proceda al pignoramento dei  beni.

Può anche verificarsi l’eventualità che questo periodo utile per presentare opposizione a decreto ingiuntivo possa essere ridotto rispetto ai 40 giorni abitualmente concessi, questo avviene in alcune circostanze particolari e comunque sempre a discrezione del giudice.

Diventa vitale quindi, per il debitore che riceve l’ingiunzione, presentare il più tempestivamente possibile un’istanza di opposizione al decreto ingiuntivo.

L’ istanza di opposizione a decreto ingiuntivo

Presentare un’istanza di opposizione ad un decreto ingiuntivo vuol dire cercare di produrre le giuste argomentazioni, utili a far si che il giudice sospenda quello che, a meno di prove contrarie, è un diritto dei creditori.

L’intento che sovrintende alla presentazione dell’istanza di sospensione è quello di fornire al giudice le giuste argomentazioni che lo convincano a ritenere corretto e sensato interrompere la procedura di ingiunzione.

Una istanza di opposizione giuridicamente, formalmente e correttamente redatta, blocca la procedura di ingiunzione, consentendo al debitore di guadagnare altro tempo o ottenere condizioni più vantaggiose per la restituzione del debito vantato dal creditore.

Perché rivolgersi a noi per presentare l’istanza di opposizione a decreto ingiuntivo

In Italia, in questo momento di crisi economica, l’utilizzo del decreto ingiuntivo è strettamente collegato a situazioni di insolvenza per prestiti o mutui accesi presso società finanziarie o istituti di credito.

Questi atti giudiziari, però, possono mettere in pericolo le possibilità di sostentamento di intere famiglie o l’esistenza stessa di molte aziende grandi e piccole.

Il vero punto di debolezza, per il cittadino e la piccola e media impresa, risiede nel fatto che le l’istanza di opposizione a decreto ingiuntivo comporta che la stessa sia redatta in maniera corretta sul piano formale e sostanzialmente fondata sul piano legale, in modo che il giudice prima di affrontare una valutazione del merito, possa prima approvare il piano formale, constatando che la pratica non presenti vizi di forma.

Per la nostra esperienza, abbiamo potuto osservare come molte volte, i cittadini che provano a presentare da soli un’istanza di opposizione, spesso commettono errori di compilazione, procedurali, o di tempistica, magari presentando l’istanza in ritardo e costringendo il giudice a respingere la pratica come opposizione tardiva.

Proprio per questo, il servizio di gestione del debito offerto dalla 100x100invest si avvale esclusivamente di legali altamente specializzati che possono non solamente presentare un’istanza di opposizione a decreto ingiuntivo ineccepibile sul piano formale, ma anche seguire puntualmente i nostri clienti ed assisterli nella raccolta dei documenti più idonei a dimostrare le ragioni del debitore davanti al giudice.

Il debitore che si affida tempestivamente alla competenza dei nostri professionisti avrà così la certezza di poter ottenere un’assistenza legale di alto livello, al fine di dimostrare al giudice la volontà del debitore di ripagare i debiti, salvaguardando nel contempo le possibilità di sussistenza familiari o aziendali.

Se hai ricevuto un decreto ingiuntivo contattaci al più presto, potremo aiutarti a ritrovare la serenità, con la massima onestà, professionalità e trasparenza.




I dati inseriti in questo modulo saranno utilizzati al solo scopo di fornire le informazioni richieste e saranno soggetti al massimo riserbo, in piena ottemperanza della normativa vigente sulla privacy, e quindi non potranno essere divulgati a terzi senza esplicito consenso dell'interessato.